Leffe Radieuse, c’è una rossa in abbazia.

L’abbazia Notre-Dame de Leffe edificata nel 1152 nel sud del Belgio. Si può considerare la culla delle birre belghe d’abbazia perché il suo stile è uno dei più antichi e blasonati al mondo. Stando alle cronache del tempo il primo boccale di Leffe ha visto la luce nel 1240 d.C. e che la sua ricetta derivi direttamente da quella degli antichi monasteri della zona. Nel 1952 il marchio e la ricetta dell’antico monastero vengono affidate al birrificio Lootvoet di Bruxelles con l’impegno di rispettare rigorosamente il processo produttivo tradizionale.

Leffe Radieuse

È una birra complessa per la varietà di sensazioni che lascia sul palato. Le prime sorsate sono morbide e amabili grazie alla componente dolce data dal malto, ma proseguendo con la bevuta il gusto diventa sempre più importante e corposo. Merito di una elevata gradazione alcolica (8,2%) che ha il pregio di non essere predominante. L’ambrato intenso e la schiuma densa e persistente danno quel tocco di allegria che giustifica la scelta del nome. Il colore si sposa alla perfezione con gli aromi di malto e caffè, con i sentori fruttati che creano un gradevole sottofondo.

Una birra di tutto rispetto che si presta a più di un abbinamento con specialità gastronomiche diverse. Primi piatti con sughi di carne, arrosti o formaggi molto saporiti come il gorgonzola. Una scelta interessante e originale è accompagnarla con dell’agnello o l’abbacchio.
La Leffe Radieuse va servita alla temperatura di 10/12 gradi nella coppa aperta per esaltare la complessità dei suoi profumi.

Pur essendo un prodotto commerciale a tutti gli effetti, il marchio Leffe è di proprietà del gruppo InBev (lo stesso di Stella Artois, Brahma, Beck’s, Hoegaarden, Bass e Staropramen), il processo di produzione sembra invariato. La Radieuse, come tutte le altre birre della brasserie belga, ha una personalità ben definita e gusto unico che si riconosce immediatamente, merito delle conoscenze acquisite nei secoli e dei processi produttivi che non sembrano cambiati.

Dimmi che ne pensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.