Chimay Blu, la trappista che conquista.

Un rosso ambrato che racchiude al suo interno un gusto dolce, dalle caratteristiche note speziate e dal retrogusto che richiama vagamente la frutta. Lascia al palato una sensazione vellutata che richiama il Porto, il noto vino liquoroso, ma allo stesso tempo presenta sfumature amarognole e acidule appena accennate. Ulteriore elemento distintivo è la schiuma densa e corposa, quasi cremosa e molto persistente.

Per una corretta degustazione è bene tenere presenti alcuni accorgimenti a partire dal bicchiere che, come per il vino, ha molta importanza. Con la Chimay Blu va utilizzato un particolare calice detto Gourmet, permetterà di fare nostri tutti gli aromi e i sapori che la caratterizzano, e anche se può sembrare superfluo sottolinearlo, deve essere ben pulito, privo di aloni e ditate.

La temperatura di servizio deve aggirarsi tra i dieci ed i dodici gradi per esaltare al meglio la corposità della struttura. Nonostante ciò si può anche optare per una temperatura più bassa, quando si ha il desiderio di rinfrescarsi, ma mai al di sotto degli 8°

Bisogna versarla seguendo una precisa modalità, per via delle caratteristiche della schiuma che si verrà a produrre. Occorre inclinare il bicchiere a 45°, tenendolo dalla base per non lasciare segni o impronte, versare la birra lentamente fino a metà bottiglia evitando che quest’ultima venga a contatto con il bordo del bicchiere. Che a questo punto va rimesso verticalmente fino al termine della mescita. L’ultimo centimetro di birra andrebbe lasciato sul fondo della bottiglia per evitare di aggiungere anche i lieviti che la velerebbero, ma nulla ci impedisce di servirli visto che sono commestibili.
Come sempre è questione di gusti.

Con cosa accompagnare la Chimay Blu

Personalmente gradisco consumarla senza cibo o stuzzichini d’accompagnamento, per godere appieno il suo gusto e gli aromi. In questo modo ogni sentore che caratterizza la birra resterà a lungo distinguibile sul palato. In ogni caso, tenendo conto delle sue caratteristiche, è consigliabile abbinarla a formaggi semi stagionati.

A mio avviso la Chimay Blu non è adatta a tutti i palati e credo si possa intuire facilmente il perché. Corposa, dal gusto deciso e una gradazione alcolica più alta della media. È una birra da meditazione o che comunque rende meglio se degustata dopo cena. Da sorseggiare con gli amici, scambiando quattro chiacchiere e centellinando ogni singola goccia.

La Chimay Blu è venduta in bottiglie da 33cl e da 75 cl, queste ultime prendono il nome di Grand Réserve.

SCHEDA
Tipologia: birra trappista
Fermentazione: alta.
Gradazione: 9% vol.
Formati: bottiglia 33 cl -75 cl
Produttore: Abbaye de Scourmont
Nazione produttrice: Belgi

Video consigliato: Type O Negative – My Girlfriend’s Girlfriend

Dimmi che ne pensi

Pin It on Pinterest

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.